Private Placement - Leggende e Realtà

I Diamanti possono essere usati in un Private Placement esclusivamente come Collaterale di una Linea di Credito che attiverà la Piattaforma.

Purtroppo ovunque vi sia qualcosa di nobile, intorno a sè avrà sempre anche qualcosa di ignobile, perciò a latere di traders seri, esistono purtroppo autentici criminali e situazioni che con il Private Placement non hanno nulla in comune se non che si abusa di tale termine. Vediamo di analizzare brevemente le categorie più conosciute di falsi Private Placements con le relative condizioni. Innanzitutto non esistono Private Placements con Immobili. L'unica operazione possibile è quella di liquidizzare gli immobili o usandoli come garanzia in una società estera (mi viene in mente una nota banca italiana che metteva ipoteca sull'immobile e poi la girava alla sua controllante elvetica che poi finanziava una S.A. società anonima del cliente in questione) o addirittura conferendoli alla stessa. Ma scordatevi che Immobili possano entrare direttamente in un Private Placement, chi vi dice il contrario è in mala fede. Stesso discorso con aggravanti per le Opere d'Arte, oggetti praticamente di nessun utilizzo ormai in qualunque sistema bancario a causa della facile connessione con reati gravi quali il Riciclaggio, il Falso Materiale, l'Appropriazione Indebita e via dicendo. Anche non vedrete mai Private Placements con Garanzie Bancarie in Affitto o SBLC, scordatevi cose del genere, non esistono. Non parliamo poi di SKR, il Safe Keeping Receipt, che, come scrissi in un famoso articolo in prima pagina su La Padania (sul rubino cinese di Telekom Serbia) che scatenò una Terza Guerra Mondiale, "il SKR non può costituire pegno in quanto non incorpora credito", si tratta infatti di una semplice "ricevuta di deposito" che attesta che un certo bene è presso una certa banca o security, e questo è tutto. Un famigerato avvocato dell'hinterland napoletano occupa Google con questa fantomatica operazione e con quella delle garanzie, peccato che tra le tante idiozie che scrive una risulta fondamentale per la (non) riuscita della transazione, Egli scrive che l'Applicant è (ahahah) il Cliente che riempie l'applicazione, ignorando che l'Applicant è colui che presta la garanzia, anche detto Lessor. Ultima categoria in un quadro non esaustivo dei falsi Private Placements riguarda i software di trading e i software multilivello, cose che possono avere un qualche utilizzo anche positivo ma che non hanno nulla a che fare con il Private Placement. Usare preziosi come Oro o Diamanti è possibile solo effettuando prima una operazione di pegno presso la banca che ospita la piattaforma.

 

E-mail: info@guglielmorinaldinifinance.com 

 

© Guglielmo Maria Eugenio Rinaldini e Hrh Prince Guglielmo Rinaldini 2014